About Mario Cigliano

This author has not yet filled in any details.
So far Mario Cigliano has created 310 blog entries.

NULLITA’ DELL’AVVISO DI ACCERTAMENTO NOTIFICATO SOLO AL CURATORE OVE I PRESUPPOSTI D’IMPOSTA SI SIANO DETERMINATI PRIMA DEL FALLIMENTO. LA NOTIFICA VA FATTA ANCHE AL CONTRIBUENTE. Cassazione civile , sez. un. , 28/04/2023 , n. 11287

Il tema della legittimazione processuale del fallito ha interessato a lungo la dottrina e la giurisprudenza sia di merito sia di Legittimità al fine di verificare le condizioni per impugnare gli atti tributari. È noto che con la liquidazione giudiziale la società non viene meno, benché i suoi organi perdano la legittimazione sostanziale e processuale, che viene assunta dalla

2024-02-14T11:59:56+00:00February 4th, 2024|Categories: Cassazione civile|Tags: |

SULLA IMPUTABILITA’ DEI RICAVI EX ART. 32 DPR 600/1973 ANCHE CON RIFERIMENTO A FINANZIAMENTI SOCI.

La Corte di Giustizia Tributaria in accoglimento del nostro appello incidentale ha integralmente annullato la ripresa tassazione che l'Amministrazione Finanziaria aveva operato per cinque annualità consecutive, in recepimento delle nostre deduzioni difensive secondo cui: "Sul punto giova ricordare che la Banca di Italia con provvedimento recante disposizioni per la raccolta del risparmio dei soggetti diversi

2024-02-14T11:59:47+00:00January 28th, 2024|Categories: Tributario|Tags: |

DIVIETO DI AUTOMATICITA’ TRA PROCEDIMENTO PENALE E REVOCA IN AUTOTUTELA DI AUTORIZZAZIONE AMMINISTRATIVA

Il Tar Toscana, in accoglimento del nostro ricorso, ha dato applicazione dei principi elaborati dalla giurisprudenza in materia come elaborati dalla giurisprudenza amministrativa in materia che richiede all'uopo una congrua motivazione, statuendo il seguente principio:" Sul punto il provvedimento difetta di motivazione, non essendo sufficiente il mero richiamo all’avviso di conclusione delle indagini preliminari: “in

2024-01-14T14:00:19+00:00January 14th, 2024|Categories: T.A.R|Tags: |

E’ IN CONTRASTO CON LA CONVENZIONE DEI DIRITTI DELL’UOMO UN REGIME FISCALE DI TASSAZIONE AUTOMATICO DI REDDITI IN EFFETTI NON PERCEPITI.

Interessante pronuncia della Corte Europea dei Diritti dell'uomo che con sentenza depositata il 7.12.2023 nel procedimento rubricato al n. 26604/2016, ha evidenziato che i provvedimenti fiscali non sono esenti da controllo da parte della Corte Europea, evidenziando come gli Stati, pur essendo autonomi in materia fiscale, non possono non tenere presente la tutela del diritto

2024-02-14T12:01:09+00:00January 8th, 2024|Categories: Corte europea diritti dell'uomo|Tags: |

NULLITA’ DEL TASSO DI FINANZIAMENTO DEFINITO SULLA BASE DELL’EURIBOR OGGETTO DI MANIPOLAZIONE

Con ordinanza n. 34889 del 13 dicembre 2023, la terza sezione della Corte di Cassazione (Pres. Scarano, Rel. Gorgoni) si è pronunciata a favore della nullità del tasso del finanziamento definito sulla base dell’Euribor oggetto di manipolazione. In particolare, secondo la Cassazione, va dichiarata la nullità del tasso applicato nel contratto di leasing che sia stato determinato facendo riferimento al tasso Euribor fissato attraverso un accordo manipolativo della concorrenza da un certo numero di istituti bancari, quale quello di

2024-02-14T12:01:02+00:00January 8th, 2024|Categories: Uncategorized|Tags: |

SULLA NATURA VESSATORIA DELLA DEROGA ALL’ART. 1957 C.C. ANCORA SULLA SENTENZA DELLA Cassazione civile sez. III – 28/09/2023, n. 27558.

La disciplina di tutela del consumatore posta dal D.Lgs. n. 206 del 2005 - c.d. Codice del consumo, che può invero riguardare anche il singolo rapporto, è funzionalmente volta a tutelare il consumatore a fronte della unilaterale predisposizione ed imposizione del contenuto contrattuale da parte del professionista, quale possibile fonte di abuso, sostanziantesi nella preclusione

2023-12-30T13:07:32+00:00December 30th, 2023|Categories: Cassazione civile|Tags: |

ANCORA SULLA NATURA GIUDIZIALE DELL’ISTANZA EX ART. 1957 C.C. Ecco estratto testuale dell’ultima sentenza della Corte di Cassazione sulla natura necessariamente giudiziale sull’istanza che il creditore deve attivare per evitare la decadenza prevista dalla norma de quo. Cassazione civile sez. III – 24/08/2023, n. 25197):

Lo scopo di tale termine è quello di evitare che il fideiussore si trovi esposto all'aumento indiscriminato degli oneri inerenti alla sua garanzia, per il fatto che il creditore non si sia tempestivamente attivato al primo manifestarsi dell'inadempimento, lasciando incrementare l'importo del debito, magari proprio contando sulla responsabilità solidale del fideiussore (Cass., sez. 3, 11/07/2014,

2024-02-14T12:01:29+00:00December 30th, 2023|Categories: Cassazione civile|Tags: |

IL FIDEIUSSORE PUO’ OPPORRE LE ECCEZIONI RELATIVE ALL’OBBLIGAZIONE GARANTITA, OVE LA GARANZIA ABBIA AD OGGETTO PRESTAZIONI FUNGIBILI. TRIBUNALE DI BARI 3831/2023

2.1. Preliminarmente, va rilevata l'infondatezza della deduzione difensiva avanzata dalla banca inerente all'inammissibilità “delle eccezioni sollevate in merito alla obbligazione garantita” da cui conseguirebbe il “difetto di legittimazione attiva dei fideiussori” (Ca. Ma., Ca. Ro. e Ca. Ro.), poiché basata sull'erroneo presupposto che determinate clausole delle fideiussioni in oggetto (rectius, nella fideiussione del 3.2.06, artt. 6-7-8) “qualificano

2023-12-26T12:53:04+00:00December 26th, 2023|Categories: Bancario|Tags: |

Cassazione civile sez. I, 20/09/2023, n.26867 Gli amministratori di un istituto di credito sono tenuti al risarcimento del danno attuale arrecato al patrimonio della banca ove abbiano concesso credito in violazione dei criteri di ordinaria diligenza

Gli amministratori di un istituto di credito, ove abbiano concesso credito in violazione dei criteri di ordinaria diligenza, sono tenuti al risarcimento del danno attuale arrecato al patrimonio della banca e consistente, in ragione della svalutazione del portafoglio crediti e dei costi di gestione finalizzati al rientro, nella riduzione della sue capacità gestionali e di investimento,

2023-12-26T12:33:58+00:00December 26th, 2023|Categories: Cassazione civile|Tags: |

Corte giustizia UE , sez. VI , 16/11/2023 , n. 472 – Una tassazione differenziata sulle plusvalenze delle partecipazioni in società residenti è contraria alla libera circolazione dei capitali

Una normativa nazionale destinata ad applicarsi esclusivamente alle partecipazioni che consentono di esercitare una sicura influenza sulle decisioni di una società e di determinarne le attività rientra nell'ambito di applicazione dell'articolo 49 TFUE , relativo alla libertà di stabilimento. Per contro, disposizioni nazionali che siano applicabili a partecipazioni effettuate al solo scopo di realizzare un investimento finanziario,

2023-12-26T12:32:27+00:00December 26th, 2023|Categories: Corte giustizia UE|Tags: |
Go to Top