L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE E’ RESPONSABILE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CHE, AI SENSI DEL CODICE DEGLI APPALTI, COSTITUISCONO OPERE PUBBLICHE. T.A.R. Roma, (Lazio) sez. II, 10/03/2022, n.2786

L'Amministrazione comunale è tenuta a porre in essere l'attività di pianificazione urbanistica e programmazione delle opere pubbliche necessarie ai fini dell'adeguamento e della messa in sicurezza delle condotte idriche a raccolta delle acque meteoriche nonché a provvedere nell'immediato ad assicurare la manutenzione delle condutture fognarie di raccolta e deflusso delle acque reflue e a risarcire

2022-11-29T22:07:14+00:00November 29th, 2022|Categories: Appalti|Tags: , , , |

OPERE DI URBANIZZAZIONE- COSA SONO? CHI LE REALIZZA?

Alle opere di urbanizzazione primarie e secondarie si applica l'aliquota IVA al 10%, ivi compreso per la cessione di beni finiti destinati alla realizzazione delle suddette opere come disciplinato dal n. 127 quinquies della tabella A parte III, allegata al DPR n. 633/1972. Di seguito elenco delle opere di urbanizzazione in base all'art. 4 legge

2022-11-20T11:03:36+00:00November 20th, 2022|Categories: Appalti|Tags: |

IN CASO DI MANCATO COLLAUDO PER FATTO IMPUTABILE ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, QUANDO L’APPALTATORE PUO’ DIRSI LIBERATO?

Ecco cosa dice in merito la Suprema Corte di Cassazione. Cassazione Civile 1613/2015 del seguente tenore testuale: “Le domande relative all'esecuzione dell'appalto possono essere proposte anche in difetto di approvazione del collaudo, ove la pubblica amministrazione abbia fatto decorrere per il compimento del collaudo stesso un tempo così lungo da rendere l'inerzia sostanzialmente equivalente a

2022-11-13T18:38:05+00:00November 13th, 2022|Categories: Appalti|Tags: |

RESPONSABILITA’ APPALTATORE – Cassazione civile sez. II, 24/10/2022, n.31273

L'appaltatore che installa un impianto di climatizzazione è responsabile delle difformità rispetto alle prescrizioni di legge e dei relativi malfunzionamenti. E così si espone al mancato pagamento dei lavori per inadempimento. Né è sufficiente per andare esente da responsabilità, l'aver eseguito nel dettaglio il progetto tecnico realizzato da terzi dichiarandosi «mera esecutrice” a meno che l'impresa

2022-11-13T18:26:06+00:00November 13th, 2022|Categories: Appalti|Tags: |

RESPONSABILITA’ DEL VENDITORE CHE E’ NELLO STESSO TEMPO COSTRUTTORE. COSA DICE LA CASSAZIONE?

La circostanza che il venditore sia anche il costruttore del bene compravenduto non vale ad attribuirgli le veste di appaltatore nei confronti dell'acquirente con la conseguenza che quest'ultimo non acquista la qualità di committente nei confronti del primo. L'acquirente non può pertanto esercitare l'azione per ottenere l'adempimento del contratto d'appalto e l'eliminazione dei difetti dell'opera

2022-11-13T18:23:57+00:00November 13th, 2022|Categories: Appalti, Uncategorized|Tags: |

ACCESSO ATTI – ASSERITO SEGRETO INDUSTRIALE. INSUSSISTENZA.

Il Tar del Molise, in accoglimento del ricorso proposto dallo scrivente Studio, ha statuito l'obbligo dell'Amministrazione di esibire i documenti di gara con riferimento alla "offerta tecnica", avente, a dire della controparte, natura "riservata". il Giudice amministrativo così motiva la statuizione concernente l'obbligo di esibizione: "- Dalla disciplina appena ricordata emerge che le informazioni contenute

2022-11-01T01:02:58+00:00November 1st, 2022|Categories: Appalti|Tags: |

CONSIGLIO DI STATO SEZ. V, 04/10/2021, N.6619-DIES A QUO PER LA PROPOSIZIONE DEL RICORSO INCIDENTALE NELL’IPOTESI DI ANNULLAMENTO IN AUTOTUTELA DELL’AGGIUDICAZIONE

L'annullamento in autotutela dell'aggiudicazione non comporta ipso iure l'improcedibilità (per sopravvenuta carenza di interesse) del ricorso con il quale essa sia stata impugnata in giudizio, atteso che detta determinazione dell'Amministrazione è inidonea a produrre in via immediata e diretta un effetto processuale, che consegue, invece, solo ad una pronuncia del giudice; pertanto, fino al momento in cui

2021-10-29T09:35:13+00:00October 29th, 2021|Categories: Appalti|

CORTE APPELLO ROMA SEZ. IV, 20/01/2021, N.40 AMBITO DI APPLICABILITÀ E PORTATA DELL’ART. 37 CCNL COOPERATIVE SOCIALI

L'art. 37 del CCNL delle cooperative sociali (8 giugno 2000), impone l'obbligo per le cooperative subentranti di assumere i dipendenti della precedente gestione, ove permangano inalterate organizzazione e attività: non costituiscono deroga a tale obbligo, nè la parcellizzazione dei servizi operata dall'appaltante a una pluralità di cooperative, nè l'utilizzo dei verbi coniugati al tempo futuro, non potendosi inferire da

2021-09-29T15:35:36+00:00September 20th, 2021|Categories: Appalti|Tags: |
Go to Top